Lo stoccaggio del gas con i filtri di caffè! – Miwa Energia | Fornitura gas ed energia elettrica in Italia

Lo stoccaggio del gas con i filtri di caffè!

Stoccaggio gas usi alternativi caffèLo stoccaggio del metano, ovvero il deposito del gas naturale in apposite strutture sotterranee, potrà contare su un nuovo e impensabile aggregato di materiali: i rifiuti della produzione di caffè. Lo stoccaggio del metano si unisce così agli usi alternativi del caffè e in particolar modo ai filtri da buttare che potranno servire per l’allocazione delle riserve nel sottosuolo.

Tra gli usi alternativi del caffè quindi, si aggiunge quello strettamente legato al mondo energetico, dopo gli impieghi nel settore dei biofuel fino a quello vestiario. Vediamo cosa ha generato questa piacevole scoperta.

L’idea è nata in maniera del tutto involontaria ed è stata partorita in pausa caffè del riceratore Christian Kemp della Pohang University in Corea del Sud. “Eravamo seduti a bere caffè, ho guardato i fondi di caffè e ho pensato: e se potessimo usare questi per lo stoccaggio del metano?”. E’ partita così la ricerca con esiti sorprendenti che ha coinvolto numerosi studiosi dell’Istituto Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Ulsan (UNIST), nella Corea del Sud.

Per stoccare il metano occorre catturare e sequestrare il carbonio presente nel gas naturale. Normalmente vengono utilizzati materiali a “carbo-sequestro” la cui produzione impiega intere giornate e molta energia. In realtà anche la trasformazione dei filtri di caffè necessità di una quantità di energia sufficientemente alta ma la differenza sta proprio nella materia prima: il filtri rappresentano uno scarto, un rifiuto inutilizzabile. Questo implica un risparmio sulla “materia prima” e un utiizzo sostenibile dei filtri che sono gratuiti rispetto ai costosi metalli e ai prodotti chimici organici necessari negli altri metodi.

Gli scienziati hanno ottenuto un materiale poroso e stabile per la cattura del CH4 che ha mostrato un’alta capacità di stoccaggio del metano e nel contempo anche un’impressionante capacità di stoccaggio dell’idrogeno. I ricercatori sono ora ansiosi di sviluppare proprio lo stoccaggio dell’idrogeno nei fondi di caffè attivati ​​a temperature più vicine a quelle ambientali.

Da oggi, prima o dopo la pausa caffè, pensate quanto sia importante ciò che state bevendo!

Miwaenergia

.

View admin Posts

Leave us a comment

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On Linkedin